La “Dichiarazione dell’Algeria” accetta di tenere il 31° Vertice arabo a Riyadh

Al termine della 31a sessione del Vertice arabo, il presidente algerino Abdelmadjid Tebboune ha annunciato ieri che esiste un consenso arabo affinché il Regno possa ospitare il 32mo Vertice arabo.

In un discorso conclusivo, ha sottolineato che il lavoro è culminato nell’approvazione della “Dichiarazione dell’Algeria”, che ha potuto includere la maggior parte delle aspirazioni arabe che rafforzerebbero l’azione araba congiunta.

Inoltre, il 4 giugno i leader arabi hanno affermato la centralità della causa palestinese e l’assoluto sostegno ai diritti inalienabili del popolo palestinese, compreso il diritto alla libertà, all’autodeterminazione e all’incarnazione di uno stato di Palestina indipendente e pienamente sovrano. , 1967, con Gerusalemme Est come capitale, e il diritto al ritorno e al risarcimento per i profughi palestinesi in conformità con la risoluzione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite n. 194 del 1948.

Nella “Dichiarazione dell’Algeria” rilasciata oggi a conclusione dei lavori della 31a sessione del Vertice arabo, hanno sottolineato la nostra adesione all’Iniziativa di pace araba del 2002 con tutti i suoi elementi e priorità, e il nostro impegno per una pace giusta e globale come un’opzione strategica per porre fine all’occupazione israeliana di tutte le terre arabe, compreso il Golan siriano, le fattorie Shebaa e le colline libanesi di Kafr Shuba. Risolvere il conflitto arabo-israeliano sulla base del principio della terra per la pace, del diritto internazionale e della relativa legittimità internazionale risoluzioni, oltre alla necessità di continuare gli sforzi e gli sforzi per proteggere e difendere la città occupata di Gerusalemme e i suoi luoghi santi.

La dichiarazione chiedeva di revocare l’assedio israeliano alla Striscia di Gaza, condannando l’uso della forza da parte della potenza occupante contro i palestinesi e tutte le pratiche barbare, compresi gli omicidi e gli arresti arbitrari, e chiedendo il rilascio di tutti i prigionieri e detenuti, in particolare i bambini , donne, malati e anziani.

Il vertice ha affermato l’adozione e il sostegno dell’approccio dello Stato di Palestina per ottenere la piena adesione alle Nazioni Unite e invitando i paesi che non hanno ancora riconosciuto lo Stato di Palestina a farlo, con la necessità di sostenere gli sforzi legali palestinesi e gli sforzi volti nel ritenere l’occupazione israeliana responsabile dei crimini di guerra e dei crimini contro l’umanità che ha commesso e continua a commettere contro il popolo palestinese.

In questo contesto, ha elogiato gli sforzi arabi compiuti per unire i ranghi palestinesi e ha accolto con favore la firma dei fratelli palestinesi sulla “Dichiarazione dell’Algeria” emanata dalla “Conferenza di riunificazione per il raggiungimento dell’unità nazionale palestinese”, tenutasi in Algeria l’11 ottobre- 13, 2022, sottolineando la necessità di unificare gli sforzi dei paesi arabi per accelerare la realizzazione di questo nobile obiettivo, soprattutto accompagnando i fratelli palestinesi verso l’attuazione dei passi concordati all’interno della suddetta dichiarazione.

La dichiarazione ha esortato a lavorare per rafforzare l’azione araba congiunta e proteggere la sicurezza nazionale araba nel suo concetto globale e in tutte le sue dimensioni politiche, economiche, alimentari, energetiche, idriche e ambientali, e per contribuire a risolvere e porre fine alle crisi vissute da alcuni paesi arabi, in modo da preservare l’unità degli Stati membri, la loro integrità territoriale e sovranità.

La dichiarazione includeva anche il rifiuto dei paesi arabi di ogni forma di interferenza straniera negli affari interni dei paesi arabi e l’adesione al principio delle soluzioni arabe ai problemi arabi rafforzando il ruolo della Lega degli Stati arabi nella prevenzione e nella risoluzione delle crisi con mezzi pacifici e lavorando per rafforzare le relazioni arabo-arabe.

I paesi arabi hanno espresso piena solidarietà al popolo libico e sostegno agli sforzi volti a porre fine alla crisi libica attraverso una soluzione libico-libica che preserva l’unità e la sovranità della Libia, preserva la sua sicurezza e la sicurezza del suo vicinato e realizza le aspirazioni di il suo popolo a raggiungere l’organizzazione delle elezioni il prima possibile per raggiungere una stabilità politica permanente.

Il vertice ha anche affermato il sostegno del legittimo governo yemenita e la sua benedizione per la formazione del Presidential Leadership Council e gli sforzi compiuti per raggiungere una soluzione politica alla crisi yemenita secondo i riferimenti approvati, sottolineando la necessità di rinnovare la tregua umanitaria come un passo essenziale verso questo percorso volto al raggiungimento di una soluzione politica globale che garantisca l’unità, la sovranità, la stabilità e l’integrità territoriale dello Yemen, la sicurezza degli Stati arabi del Golfo e il rifiuto di ogni forma di interferenza esterna nei loro affari interni.

Il vertice ha esortato i paesi arabi a svolgere un ruolo di leadership collettiva per contribuire agli sforzi per raggiungere una soluzione politica alla crisi siriana e affrontare tutte le sue conseguenze politiche, di sicurezza, umanitarie ed economiche, in un modo che garantisca l’unità e la sovranità della Siria, raggiunga il aspirazioni della sua gente e ripristina la sua sicurezza, stabilità e status a livello regionale e internazionale.

Ha accolto con favore il rilancio della vita costituzionale in Iraq, compresa la formazione del governo, elogiando i suoi sforzi volti a raggiungere la stabilità e lo sviluppo economico e incarnando le speranze e le aspirazioni del popolo iracheno, pur apprezzando i successi ottenuti dall’Iraq nella sconfitta delle organizzazioni terroristiche e lodando i sacrifici del suo popolo nel difendere la sovranità e la sicurezza del Paese.

Ha rinnovato la solidarietà con la Repubblica libanese per preservarne la sicurezza e la stabilità e per sostenere le iniziative intraprese per estendere la sua sovranità sui suoi territori terrestri e marittimi, esprimendo l’aspirazione che il Libano applichi le riforme richieste e che il Parlamento elegga un nuovo presidente per il nazione.

Hanno inoltre rinnovato il sostegno alla Repubblica federale di Somalia al fine di consolidare i pilastri della sicurezza e della stabilità attraverso il contributo dei paesi arabi al rafforzamento delle capacità nazionali somale nel campo della lotta al terrorismo e consentire a questo paese fraterno di rispondere alle sfide che è nella fase attuale, soprattutto a causa della grave crisi di siccità.

La dichiarazione finale del vertice ha elogiato l’importante ruolo svolto dai paesi arabi nell’affrontare le grandi sfide che l’umanità deve affrontare, come il cambiamento climatico, e lodando a questo proposito l’iniziativa Green Middle East lanciata dal Regno dell’Arabia Saudita.

Ha espresso il suo sostegno allo Stato del Qatar, che si prepara a ospitare la Coppa del Mondo FIFA 2022, e la sua piena fiducia nella sua capacità di organizzare un’edizione distinto di questo evento globale, e il suo rifiuto delle campagne malevole di distorsione e scetticismo che influenzarlo.

Il Ministro degli Affari Esteri stabilisce le costanti del Regno

A nome del Custode delle Due Sacre Moschee Re Salman bin Abdulaziz, Sua Altezza il Principe Faisal bin Farhan bin Abdullah, Ministro degli Affari Esteri, ha pronunciato il discorso del Regno alla sessione di apertura del Consiglio della Lega Araba riunito al vertice del 31° sessione regolare Ecco le costanti più importanti del Regno, come affermato nel discorso.

– Le successive crisi globali hanno portato a sfide comuni che hanno influito sulla sicurezza e la stabilità della nostra regione araba e hanno indebolito il ritmo della sua ripresa economica e le opportunità di sviluppo per i suoi cittadini. La recente esacerbazione della concorrenza e del conflitto geopolitico internazionale minaccia di minare la capacità della comunità internazionale di affrontare efficacemente le sue sfide comuni.Tutto ciò ci impone di intensificare il coordinamento e la consultazione all’interno della Casa araba, di rinunciare alle nostre differenze interconnesse e di dare priorità ai nostri interessi comuni.

Rifiuto dell’interferenza straniera Molti dei nostri paesi arabi devono affrontare diverse sfide che gettano un’ombra non solo sulla sicurezza e la stabilità di tali paesi, ma anche sulla regione e sulla regione nel suo insieme. Unendo gli sforzi per risparmiare ai nostri paesi i pericoli e le turbolenze che possono derivare da queste sfide. Quindi, sottolineiamo l’importanza di un coordinamento continuo tra i nostri paesi arabi per migliorare la nostra sicurezza nazionale e regionale, e mentre rinnoviamo il nostro totale rifiuto e rifiuto dell’approccio di espansione ed egemonia a spese degli altri, affermiamo l’apertura dei nostri paesi arabi. Cooperare e dialogare con tutti sulla base dei principi del rispetto reciproco e degli interessi comuni, in modo da contribuire a consolidare le basi della cooperazione e del partenariato e raggiungere la sicurezza e il benessere dei nostri paesi e dei nostri popoli. rispettiamo i valori e le culture degli altri, speriamo che gli altri lo rispettino.

integrazione economica

Le ripercussioni delle crisi e dei conflitti internazionali hanno mostrato l’importanza dell’integrazione economica tra i nostri paesi arabi e noi in Arabia Saudita ci sforziamo sempre di fornire le condizioni adeguate per raggiungere questo obiettivo attraverso la cooperazione e il coordinamento con i nostri fratelli nei paesi arabi. in questo aspetto è raggiungere la sicurezza alimentare, che è una delle priorità più importanti di molti Paesi del mondo, e in questo contesto, il Regno sottolinea l’importanza dell’azione araba collettiva e dell’investimento nel potenziale dell’Oceano Arabo in termini di delle risorse naturali, delle risorse umane e della diversità biologica e nutrizionale, per soddisfare le esigenze dei mercati alimentari arabi.

Unità di classe palestinese

La questione palestinese rimarrà sempre al centro degli interessi della nostra nazione araba, fino a quando il popolo palestinese non raggiungerà l’istituzione del proprio Stato indipendente e sovrano ai confini del 1967, con Gerusalemme Est come capitale, in conformità con le risoluzioni di legittimità internazionale e l’Iniziativa di pace araba.Il Regno accoglie anche con favore i risultati degli incontri adottati dall’Algeria nell’ambito degli sforzi di riconciliazione tra le fazioni palestinesi e spera che questi sforzi portino all’unità delle file palestinesi.

La questione yemenita

Il Regno continua a sostenere gli sforzi volti a raggiungere la pace in Yemen e ha compiuto tutti gli sforzi per sostenere l’inviato delle Nazioni Unite nella sua proposta di estendere l’armistizio in quel paese, e mentre sottolineiamo il rifiuto della milizia Houthi della proposta dell’inviato delle Nazioni Unite di estendere l’armistizio, sottolineiamo l’importanza di una continua pressione politica da parte della comunità internazionale, affrontandole in modo più serio e fermo; Per raggiungere una pace sostenibile in Yemen, sulla base dei tre riferimenti rappresentati nell’Iniziativa del Golfo e del suo meccanismo di attuazione, sui risultati del dialogo nazionale yemenita globale e sulle pertinenti risoluzioni del Consiglio di sicurezza, inclusa la risoluzione del Consiglio di sicurezza (2216). Sottolineiamo inoltre l’importanza di fornendo il supporto necessario al Consiglio direttivo presidenziale yemenita, nonché il Nostro interesse per la situazione umanitaria nello Yemen fornendo supporto umanitario, di soccorso e di sviluppo alla Repubblica dello Yemen.

Gli affari libico, iracheno e libanese

Nella questione libica, il Regno ritiene che la soluzione della controversia tra i fratelli in Libia derivi dall’interno libico, e lontano da ingerenze esterne, attraverso la rinuncia alla violenza, e l’attivazione di tutti i possibili percorsi di dialogo, fino all’auspicato sicurezza e stabilità è raggiunta. Sulla questione irachena, il Regno accoglie con favore la formazione del nuovo governo iracheno, e gli augura successo e successo nel realizzare le aspirazioni del popolo fraterno iracheno.Il Regno afferma di continuare a fornire tutto il sostegno alla Repubblica dell’Iraq, al fine di raggiungere la sicurezza, la stabilità e lo sviluppo e sottolinea anche la continuazione dell’approfondimento della cooperazione e del partenariato tra i nostri due paesi in vari campi. .

Per quanto riguarda il Libano, il Regno sottolinea la centralità della sovranità, della sicurezza e della stabilità del Libano e attende con impazienza di eleggere un nuovo Presidente della Repubblica del Libano che possa unire il popolo libanese e collaborare con attori regionali e internazionali per superare l’attuale crisi, e attuare le disposizioni delle pertinenti risoluzioni internazionali, comprese quelle emesse dal Consiglio di sicurezza e dall’Università dei paesi arabi, e l’impegno per l’accordo di Taif.

La situazione in Siria e Sudan

Il Regno afferma il suo entusiasmo per la sicurezza e la stabilità della Siria e sostiene tutti gli sforzi arabi e internazionali volti a trovare una soluzione politica alla crisi in Siria, in modo da preservare l’identità, l’unità, la sovranità e l’integrità territoriale della Siria.

Nella questione sudanese, il Regno sostiene tutto ciò che potrebbe raggiungere la sicurezza e la stabilità in Sudan, e contribuire alla ripresa della sua economia e alla prosperità del suo popolo.Il Regno cerca, all’interno della sua appartenenza al Quartetto e al Gruppo degli Amici del Sudan , e il suo sostegno al ruolo internazionale per intensificare gli sforzi internazionali volti a raggiungere il consenso tra le componenti politiche, al fine di raggiungere una soluzione politica globale, presta anche grande attenzione alla dimensione umanitaria stando al fianco del fraterno Sudan.