Home World Rilascio di una dichiarazione di chiusura congiunta per la visita di Sua...

Rilascio di una dichiarazione di chiusura congiunta per la visita di Sua Altezza Reale il Principe Ereditario nella Repubblica Araba d’Egitto

0
È stata rilasciata una dichiarazione di chiusura congiunta per la visita di Sua Altezza Reale il Principe Mohammed bin Salman bin Abdulaziz, Principe Ereditario e Vice Primo Ministro, nella Repubblica Araba d’Egitto, il cui testo segue:

Procedendo dai solidi rapporti storici, dagli stretti legami fraterni e dal comune destino tra il Regno dell’Arabia Saudita e la Repubblica Araba d’Egitto ei loro capi – che Dio li protegga – ei loro due popoli fraterni. In risposta all’invito del Presidente della Repubblica Araba d’Egitto, Sua Altezza Reale il Principe Mohammed bin Salman bin Abdulaziz Al Saud, Principe Ereditario e Vice Primo Ministro – che Dio lo protegga – ha compiuto una visita ufficiale nella Repubblica Araba d’Egitto il 21-22/11/1443 AH corrispondente al 20-21/6/2022 d.C., e Sua Eccellenza il Presidente Abdel Fattah Al-Sisi, Presidente della Repubblica Araba d’Egitto, era a capo del ricevitore di Sua Altezza al Cairo International Aeroporto, e ha scortato Sua Altezza al Palazzo Federale, dove ha avuto luogo la cerimonia ufficiale di ricevimento.

In un clima di affetto e fratellanza, che incarna la profondità delle relazioni strette e storiche tra i due paesi fratelli, si è svolta una sessione ufficiale di colloqui tra Sua Eccellenza il Presidente Abdel Fattah Al-Sisi e suo fratello, Sua Altezza Reale il Principe Mohammed bin Salman bin Abdulaziz Al Saud e Sua Eccellenza il Presidente egiziano hanno accolto suo fratello, Sua Altezza Reale il Principe Muhammad bin Salman bin Abdulaziz Al Saud, ed hanno espresso la sua felicità per la visita di Sua Altezza, che inquadra distinti rapporti bilaterali e li spinge verso orizzonti più ampi in tutti campi. Durante la sessione sono state esaminate le relazioni storiche consolidate tra i due paesi fratelli, elogiato il livello di cooperazione e coordinamento tra di loro a tutti i livelli e discusso le modalità per sviluppare e sviluppare relazioni in tutti i campi, in modo tale da valorizza e realizza gli interessi dei due paesi e popoli fratelli. Hanno anche affrontato gli ultimi sviluppi nella regione e nel mondo, sottolineando l’unità dei due paesi. Una posizione e un destino comuni verso tutte le questioni regionali e internazionali e gli sviluppi di interesse comune .

Negli affari economici e commerciali, le due parti hanno convenuto di rafforzare la partnership economica, di investimento e commerciale tra i due paesi fratelli e di spostarla verso orizzonti più ampi per essere all’altezza del rapporto storico e strategico tra di loro realizzando l’integrazione tra le opportunità disponibili attraverso la visione del Regno dell’Arabia Saudita 2030 e la visione della Repubblica Araba d’Egitto 2030. Le due parti hanno affermato la loro determinazione ad aumentare il ritmo della cooperazione in materia di investimenti e scambi commerciali e stimolare le partnership tra il settore privato nei due paesi e unire gli sforzi per creare un ambiente di investimento fertile e stimolante che supporti una serie di settori mirati, tra cui turismo, energia, assistenza sanitaria, trasporti, logistica, comunicazioni e tecnologia dell’informazione e sviluppo immobiliare e agricoltura.

Le due parti hanno accolto con favore gli ingenti investimenti e accordi commerciali e accordi annunciati tra i settori privati ​​nei due paesi, pari a (8) miliardi di dollari USA, pari a circa (30 miliardi di riyal sauditi e circa 145 miliardi di lire egiziane) durante la visita di Sua Altezza Reale il Principe Mohammed bin Salman bin Abdulaziz Al Saud, ed è stato annunciato che il Regno dell’Arabia Saudita intende guidare investimenti in Egitto per un importo di (30) miliardi di dollari USA. Le due parti hanno affermato la loro volontà di promuovere maggiori investimenti tra i due paesi e di intensificare la comunicazione tra il settore privato nei due paesi per discutere di investimenti e opportunità commerciali e facilitare eventuali difficoltà che potrebbero incontrare.

Le due parti hanno anche annunciato, per quanto riguarda la cooperazione tra loro nel campo della generazione di energia rinnovabile, l’attuazione di un progetto di energia elettrica con una capacità di 10 gigawatt attraverso ACWA Power.

Le due parti hanno elogiato il volume degli scambi intracomunitari tra i due paesi fratelli, che riflette la profondità e la sostenibilità delle relazioni economiche tra il Regno dell’Arabia Saudita e la Repubblica araba d’Egitto tra i due paesi fratelli. Il Regno ha elogiato le riforme economiche perseguite dal governo della Repubblica Araba d’Egitto e le due parti hanno affermato la loro volontà di rafforzare la cooperazione economica congiunta, che mira a raggiungere stabilità e prosperità economica per i due popoli fratelli e accresce la loro capacità di superare il sfide imposte dalle recenti crisi internazionali.

Le due parti hanno affermato la loro determinazione a concludere i negoziati per un accordo per proteggere e incoraggiare gli investimenti, firmarlo e ratificarlo da entrambe le parti il ​​prima possibile, nel quadro della loro comune preoccupazione di fornire un ambiente sicuro per gli investimenti e di fornire leggi che stimolino e attrarre investimenti su di loro.

Nel campo dell’ambiente e del cambiamento climatico, e sulla base del ruolo del Regno dell’Arabia Saudita nell’affrontare le sfide del cambiamento climatico e della conservazione dell’ambiente e nel sostenere la Repubblica araba d’Egitto nell’ospitare la sessione della Conferenza delle parti Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP27); Le due parti hanno convenuto che il vertice della Green Middle East Initiative e il forum Saudi Green Initiative si terranno durante il periodo della Conferenza delle parti sui cambiamenti climatici a Sharm El Sheikh.

Per quanto riguarda gli aspetti sanitari ed educativi, le due parti hanno espresso la loro aspirazione a rafforzare la cooperazione nel campo della salute e hanno affermato la loro volontà di sostenere iniziative globali per affrontare i rischi e le sfide per la salute attuali e futuri. Le due parti hanno accolto con favore l’innalzamento del livello di cooperazione scientifica e educativa tra i due paesi. Le due parti hanno chiesto di aumentare il livello di cooperazione nei settori dell’istruzione superiore, della ricerca e dell’innovazione e di incoraggiare le università, le istituzioni scientifiche e i centri di ricerca dei due paesi a rafforzare la cooperazione di ricerca in aree di interesse comune.

In materia di turismo e cultura, le due parti hanno sottolineato l’importanza della cooperazione nel campo del turismo, lo sviluppo del movimento turistico nei due paesi e l’esplorazione delle potenzialità turistiche di ciascun paese, oltre al rafforzamento azione in materia di turismo sostenibile a beneficio del settore turistico e del suo sviluppo, rafforzando la cooperazione culturale tra i due paesi, partecipando a eventi e mostre culturali per ciascuno di essi e unificando le visioni e gli orientamenti delle organizzazioni internazionali in materia di affari culturali, in particolare per quanto riguarda agli archivi del patrimonio immateriale.

In materia politica, le due parti hanno affermato la loro determinazione a rafforzare la cooperazione su tutte le questioni politiche e cercare di formulare posizioni comuni che ne preservano la sicurezza e la stabilità, e l’importanza di un coordinamento e una consultazione continui per quanto riguarda gli sviluppi e gli sviluppi in tutti i forum bilaterali e multilaterali, in un modo che contribuisce a raggiungere la sicurezza, la stabilità e la prosperità nei due paesi fratelli e nella regione. .

Le due parti hanno esaminato questioni regionali e internazionali di interesse comune, la prima delle quali è la questione palestinese, in cui le due parti hanno sottolineato la necessità di intensificare gli sforzi per raggiungere una soluzione globale ed equa del conflitto israelo-palestinese e di trovare un vero orizzonte per il ritorno a negoziati seri ed efficaci per raggiungere la pace, in conformità con il principio della soluzione dei due Stati, e le relative risoluzioni di legittimità internazionale. Le relazioni e l’Iniziativa di pace araba, in modo da garantire al popolo palestinese il diritto di stabilire la propria stato indipendente ai confini del 1967, con Gerusalemme Est come capitale.

Sulla questione yemenita, le due parti hanno rinnovato il loro pieno sostegno agli sforzi internazionali e regionali volti a raggiungere una soluzione politica globale alla crisi in Yemen, sulla base dell’iniziativa del Golfo e dei suoi meccanismi esecutivi, dei risultati del dialogo nazionale yemenita e Risoluzione del Consiglio di sicurezza n. (2216). La parte egiziana ha elogiato gli sforzi del Regno e le sue numerose iniziative volte a incoraggiare il dialogo e la riconciliazione tra le parti yemenite ea porre fine alla guerra nello Yemen, e il suo ruolo nel fornire e facilitare l’accesso umanitario a tutte le regioni dello Yemen. Le due parti hanno affermato il loro sostegno al Presidential Leadership Council e alle sue entità di supporto; Per consentirgli di esercitare i suoi doveri nell’attuazione di politiche e iniziative efficaci che possano raggiungere la sicurezza e la stabilità nello Yemen. Hanno anche affermato il loro sostegno all’accordo di armistizio delle Nazioni Unite in Yemen e hanno accolto con favore l’annuncio della sua estensione.La parte saudita ha apprezzato la risposta dell’Egitto alla richiesta del legittimo governo yemenita e delle Nazioni Unite di operare voli diretti tra Il Cairo e Sanaa a sostegno di tale armistizio e per alleviare le sofferenze umane del popolo fraterno yemenita creato dalla milizia terroristica Houthi, ed entrambe le parti hanno sottolineato la loro condanna Gli attacchi della milizia terroristica Houthi a oggetti civili e strutture vitali nel Regno, la sua minaccia alla sicurezza e all’incolumità del mare internazionale corsie e la sua intransigenza di fronte agli sforzi per una soluzione politica per porre fine alla crisi in Yemen.

Sulla questione irachena, le due parti hanno espresso l’aspirazione che le parti irachene raggiungano una formula per formare un governo globale che lavori per realizzare le aspirazioni del fraterno popolo iracheno in materia di sicurezza, stabilità, sviluppo e lotta alle organizzazioni terroristiche, e spinga le relazioni dell’Iraq con i suoi fratelli arabi a orizzonti sempre più ampi alla luce di ciò che lega i popoli del mondo arabo dalla Fratellanza, dall’unità, dal destino e dagli obiettivi comuni.

Sulla questione sudanese, le due parti hanno affermato il loro continuo sostegno al successo della fase di transizione, nonché l’importanza del dialogo tra tutte le parti sudanesi, in un modo che contribuisca a preservare le conquiste politiche ed economiche e raggiunga l’unità tra tutte le componenti del fraterno popolo sudanese.

Sulla questione libanese, le due parti hanno affermato il loro entusiasmo per la sicurezza, la stabilità e l’unità dei territori libanesi e l’importanza di proseguire gli sforzi volti a preservare l’identità araba, la sicurezza e la stabilità del Libano, sostenendo il ruolo delle istituzioni statali libanesi , e l’attuazione delle riforme necessarie per garantire che il Libano superi la sua crisi e non sia un punto di partenza per atti terroristici e un incubatore di organizzazioni e gruppi terroristici che destabilizzano la sicurezza e la stabilità della regione, e non sia una fonte o un transito punto per il traffico di droga.

Nella questione siriana, le due parti hanno sottolineato l’importanza di raggiungere una soluzione politica alla crisi siriana in modo da realizzare le aspirazioni del popolo fraterno siriano e preservare l’unità e l’integrità territoriale della Siria Inviato speciale delle Nazioni Unite per la Siria.

Sulla questione libica, le due parti hanno sottolineato la necessità di preservare l’unità e l’integrità dei territori libici e l’importanza che i fratelli libici raggiungano una soluzione libico/libica basata sulla proprietà libica dell’insediamento senza alcun dettato o interferenza esterna, portando allo svolgimento simultaneo delle elezioni presidenziali e parlamentari. La parte saudita ha apprezzato gli sforzi dell’Egitto per ripristinare la sicurezza, l’unità e la sovranità della Libia e ha generosamente ospitato il lavoro della pista costituzionale libica in coordinamento con le Nazioni Unite, che ha concesso ai fratelli libici spazio libero per tracciare il futuro del loro paese.

Le due parti hanno sottolineato l’importanza di sostenere il ruolo delle istituzioni libiche e di assumersi le loro responsabilità e in questo contesto hanno elogiato gli sforzi nazionali sinceri e le procedure e decisioni legittime emesse dalla Camera dei rappresentanti libica, in quanto è l’organo legislativo eletto che esprime le aspirazioni del popolo fraterno libico. Le due parti hanno anche sottolineato l’importanza di iniziare immediatamente ad attuare l’uscita di tutte le forze straniere e mercenari dalla Libia senza eccezioni o procrastinazioni ed entro un termine specifico, in attuazione delle Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza n. 2570 e 2571, i risultati del Vertice di Parigi , il processo di Berlino, la Lega degli Stati arabi, l’Unione africana e il meccanismo dei paesi vicini con la Libia, e ha espresso sostegno agli sforzi del relativo Comitato militare congiunto 5 + 5, nonché al mantenimento dell’accordo di cessate il fuoco al fine di preservare la sicurezza, la stabilità e le capacità della Libia.

Le due parti hanno convenuto sulla necessità di sostenere gli sforzi internazionali per impedire all’Iran di acquisire un’arma nucleare, garantire la tranquillità del programma nucleare iraniano, rafforzare il ruolo dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica, mantenere il regime di non proliferazione e l’importanza di sostenere sforzi per stabilire una zona libera da armi nucleari e altre armi di distruzione di massa in Medio Oriente, in modo da contribuire a raggiungere la pace e la stabilità regionali e internazionali e sostenere gli sforzi arabi per esortare l’Iran a rispettare i principi internazionali di non interferenza negli affari dei paesi arabi, per preservare i principi di buon vicinato e per risparmiare alla regione tutte le attività destabilizzanti, compreso il sostegno alle milizie armate e la minaccia alla navigazione marittima e alle linee commerciali internazionali.

Per quanto riguarda la crisi della diga rinascimentale, la parte saudita ha affermato il suo pieno sostegno alla sicurezza idrica egiziana come parte integrante della sicurezza idrica araba e ha esortato l’Etiopia a non adottare misure unilaterali per quanto riguarda il riempimento e il funzionamento della Grande diga rinascimentale etiope e la importanza di negoziare in buona fede con Egitto e Sudan per raggiungere un accordo giuridico vincolante in A questo proposito, in attuazione della dichiarazione presidenziale rilasciata dal Consiglio di Sicurezza nel settembre 2021 d.C., al fine di evitare i danni causati da questo progetto a valle paesi e per rafforzare la cooperazione tra i popoli di Egitto, Sudan ed Etiopia. La parte saudita ha espresso piena solidarietà alla Repubblica araba d’Egitto in tutte le misure adottate per proteggere la sua sicurezza nazionale.

Da parte sua, la parte egiziana ha espresso piena solidarietà al Regno dell’Arabia Saudita in tutte le misure adottate per proteggere la sua sicurezza nazionale, e ha sottolineato il suo rifiuto di qualsiasi attacco al territorio del Regno dell’Arabia Saudita, sottolineando che la sicurezza dei due paesi è indivisibile.

Sul fronte della sicurezza, le due parti hanno elogiato il livello di cooperazione e coordinamento in materia di sicurezza tra i due paesi ed hanno espresso il desiderio di migliorarlo al fine di ottenere sicurezza e stabilità per i due paesi fratelli. Le due parti hanno elogiato i loro sforzi nel campo della lotta al terrorismo e del suo finanziamento, e gli sforzi congiunti nell’ambito del Centro internazionale per il finanziamento del terrorismo.

Al termine della visita, Sua Altezza Reale il Principe Muhammad bin Salman bin Abdulaziz Al Saud, Principe Ereditario e Vice Primo Ministro – che Dio lo protegga – ha espresso il suo ringraziamento e apprezzamento a Sua Eccellenza il Presidente Abdel Fattah Al-Sisi, Presidente dell’Arabia Repubblica d’Egitto, per la calorosa accoglienza e ospitalità ricevuta e la delegazione di accompagnamento durante il loro soggiorno.Nel loro secondo Paese, la Repubblica Araba d’Egitto.

NO COMMENTS

Exit mobile version